Rassegna stampa

Magdi Cristiano Allam su Ghoncheh Ghavami e “Il Predestinato”

Ghoncheh GhavamiCom’è possibile che Ghoncheh Ghavami, una cittadina britannica di origine iraniana, venga condannata a un anno di carcere in Iran per aver cercato di assistere a una partita di pallavolo maschile tra l’Italia e l’Iran svoltasi a Teheran?
Il 20 giugno la ragazza era stata fermata con altre attiviste per i diritti femminili mentre cercavano di entrare a una partita di World League, Iran-Italia, malgrado il divieto imposto dalla rigida morale del regime islamico che vieta la promiscuità sessuale nei luoghi pubblici. Rilasciata nell’arco di alcune ore, Ghoncheh era stata arrestata di nuovo dopo qualche giorno quando era tornata in commissariato per riprendere effetti personali. In attesa del processo, la giovane ha passato 126 giorni nel famigerato carcere di Evin, alla periferia nord-ovest di Teheran, dove è stata rinchiusa nonostante abbia il passaporto britannico oltre a quello iraniano e sia laureata in legge alla University of London: l’Iran non riconosce la doppia cittadinanza.
Mi domando inoltre com’è possibile che l’Italia e gli altri Stati democratici accettino di far giocare le proprie squadre in un Paese maschilista e misogeno che discrimina le donne?
Mi domando fino a quando le Nazioni Unite continueranno a tacere sulla realtà dei Paesi, a partire da quelli islamici, che violano in modo flagrante i diritti fondamentali della persona?
Voglio ringraziare gli amici Valeria Mantovan e Mattia Mantovani che hanno letto il mio ultimo libro “Non perdiamo la testa. Il dovere di difenderci dalla violenza dell’islam”. Un grazie particolare allo scrittore Alessandro Nardone, autore di “Il Predestinato” che si cala nel contesto del terrorismo islamico dopo gli attentati alle due Torri Gemelle l’11 settembre 2001.
Oggi conoscere correttamente la realtà dell’islam è fondamentale per affrontare adeguatamente questa vera e propria Terza guerra mondiale e dotarsi degli strumenti atti a salvaguardare la nostra civiltà.
Potete prenotare in edicola la vostra copia di “Non perdiamo la testa. Il dovere di difenderci dalla violenza dell’islam” al prezzo di 5,60 euro in allegato con Il Giornale. Andiamo avanti. Insieme ce la faremo!

Magdi Cristiano Allam